HOME Chi siamo Dove siamo Grafica e libri Cooperazione Corsi Media Education Tempo Libero
Cronaca
Sabato 17 novembre 2018, alle ore 15
Villa Litta e il viale rimesso a nuovo
Francesco Adduci - Gianni Russo - Margot | 16 novembre 2018

Sabato 17 novembre 2018, alle ore 15, Pierfrancesco Maran, assessore al Verde, e Giuseppe Lardieri, presidente del Municipio 9, sono presenti all’inaugurazione del viale d’ingresso al Parco di Villa Litta rimesso a nuovo. I lavori su circa 1.100 mq si possono riassumere nel rifacimento della pavimentazione, realizzata con pietra di luserna e lastre di granito, la realizzazione di aiuole con arbusti e interventi sui sottoservizi al fine di migliorarne l’efficienza.

È la seconda volta, in meno di due anni,che Villa Litta è oggetto di una inaugurazione: infatti, domenica 7 maggio 2017, alle ore 16, alla presenza di una folta presenza di pubblico, si era svolta l’inaugurazione del completamento dei lavori di manutenzione e restauro di Villa Litta Modignani di viale Affori 21 a Milano.

Insieme al rifacimento di tutto il tetto della Villa (che aveva infiltrazioni delle quali il salone d’onore porta ancora i segni) e delle facciate, era stata recuperata anche una parte dei locali al piano terra, quella ricavata tra i portici nord e sud, e due splendidi locali ad est, con pareti e soffitti a botte e a cassettoni, con magnifici affreschi risalenti al 1600 e al 1700, magistralmente restaurati.

Tutto era cominciato già nella passata consigliatura, quando l’ex CdZ 9, con presidente Beatrice Uguccioni, e l’assessore, nonché vicesindaco, Ada Lucia De Cesaris trovarono nelle pieghe del bilancio comunale i soldi necessari per eseguire i lavori e raccogliere l’idea di creare una sala matrimoni a Villa Litta, che già nella tradizione afforese era meta degli sposi, freschi di cerimonia nella vicina chiesa Santa Giustina, che realizzavano nel suggestivo parco il book fotografico dello sposalizio. Già nelle giunte precedenti (come quella Moratti) l’idea di fare qualcosa per Villa Litta era presente, ma non trovava poi riscontri concreti nei bilanci. Alfine si arrivò con la giunta Pisapia, nella quale sedeva un assessore proveniente dai nostri quartieri, Marco Granelli, che in sinergia con la Zona, diede una spinta in più per far nascere il cantiere e concluderlo con il convinto assenso dell’attuale assessore ai LL.PP. Gabriele Rabaiotti.
 

Commenti